Buti, Il paese

Castel Tonini è il castello che ancora oggi sovrasta il paese di Buti e tutto il nucleo storico che gli sta attorno viene appunto detto “il castello”. Esso è delimitato da una porta di accesso ed è ricco di alcuni palazzi del XVI e XVII secolo. Di questo il più importante è quello dei Tonini ricco di sale dipinte dal Giarrè e denominato Villa Medicea, costruito dai Medici intorno al 1550. Scendendo dal castello si può rapidamente raggiungere il centro del paese e la Pieve di S. Giovanni Battista. Di origini antiche, fu all’inizio del secolo ampliata e ristrutturata.
Durante il dominio pisano (secolo XIII) Buti annoverava ben undici chiese. Fra queste, oltre quella già citata, vanno ricordate ed ammirate la chiesa romanica di S. Francesco, nell’omonima piazza sempre in centro al paese, e la chiesa dell’Ascensione, detta anche Santa Maria delle Nevi. Quest’ultima è raggiungibile risalendo da Buti lungo la “via dei Molini”, la strada che porta verso il Monte Serra, denominata così perché annoverava tutta una serie di mulini ad acqua. La Chiesa dell’Ascensione, di origine romanica, è situata nell’ex castello di Panicale e presumibilmente risale al XIII secolo. A navata unica, la chiesa è inserita nel gruppo di case adiacenti; di pregio è il bel abside semicircolare a ponente e la particolare iconografia sull’architrave della porta laterale e su quella della porta centrale.
Ritornando nel centro del paese è possibili ammirare, fra gli edifici di particolare rilievo, il teatro intitolato a Francesco di Bartolo (1324-1406: primo commentatore della Divina Commedia). Teatro di piccole dimensioni costruito nel 1842, rispecchia le caratteristiche architettoniche dei teatri accademici dell’inizio del ‘800 con palchetti su due ordini che si affacciano su una platea ovale, preceduto da un atrio articolato in archi e corridoi e, a suo tempo, corredato da un sipario celebre perché il famoso pittore del secolo scorso Annibale Marianini vi aveva dipinto le gesta dell’eroina locale Paola da Buti.